Ravenna
Viale Enrico Berlinguer, 54
Tel. 0544 492230
Faenza
Corso Giuseppe Mazzini, 47
Tel. 0546 21858

LA NOMINA DEL DIFENSORE DI FIDUCIA NON PUO' ESSERE TRASMESSA CON LA PEC

19 SETTEMBRE 2019


A norma dell'art. 96, comma 2, cpp, la nomina del difensore deve essere fatta «con dichiarazione resa dall’autorità precedente ovvero consegnata alla stessa dal difensore o trasmessa con raccomandata»: secondo la Cassazione (sentenza 18.02.19-19.09.19, Sez. I, n. 38665) tale formalità non ammette equipollenti non essendo possibile equiparare l’invio del mandato difensivo tramite raccomandata all'invio telematico a mezzo pec. Quest'ultima non sarebbe infatti idonea a garantire la provenienza della missiva, l’originalità della firma e della sottoscrizione del documento allegato. La Corte ha così ribadito che la nomina del difensore deve essere depositata dinanzi al giudice che procede e deve essere eseguita mediante forme tali da non ammettere dubbi e incertezze sull’individuazione della persona incaricata; certezza che può essere raggiunta solo con la produzione rituale dell’atto di scelta, il quale deve dimostrare indiscutibilmente la volontà dell’interessato attraverso l’autografia o la personale dichiarazione. E il conferimento dell’incarico avvenuto con la produzione di una semplice copia dell’atto trasmessa a mezzo PEC non può avere efficacia dimostrativa.
Ultime notizie
23
SET
A seguito di ricorso avverso la decisione di merito con la quale era stata dichiar[...]
19
SET
A norma dell'art. 96, comma 2, cpp, la nomina del difensore deve essere fatta «con[...]
12
MAR
La Cassazione (sentenza n. 10334/19, depositata l’8 marzo) conferma la giurisprude[...]